Gino Severini, Pierrot musico, 1924Uno pensa che è il solito modo de fa’ dei communisti:
nun è incoerenza o ingenuità, no….
è fa’ le cose speranno de nun esse visti.
Come se chiama er metodo? Ah si “doppia morale”:
se lo fai te è sbajato, se lo faccio io invece vale.

Prendiamo per esempio ‘sto macello
de guerre, terrorismo, dittature, insomma ‘sta baldoria

che ha rotto proprio sul più bello
er sogno arcobaleno di un mondo senza storia.

Ecco, se sto all’opposizione io scenno in piazza
co’ Dario Fo e Nunzio D’Erme co’ la mazza,
me metto intorno gente un po’ impegnata,
seria, compita per niente rassegnata:


un prete, un bel sindacalista, ‘na femminista,
uno scrittore un poco narcisista,
un giovanotto di buona società
con la kefiah al collo e l’auto di papà.

Con loro marcio convinto a più non posso
che il sol dell’avvenire è ormai a ridosso.
E me intortino addosso ‘no straccio arcobaleno
e corro a braccia aperte verso er mondo
tranquillo che il domani più sereno
arriverà facendo un girotondo;

e mentre giro, giro e rido e ballo
me pija ‘na smania de felicità
ficco Piovani davanti a un pianoforte e canto
Bandiera Rossa… ops, la Pace “la trionferà”.

Je metto poi sul palco Gino Strada,
Veltroni, Zapatero e il Dalai Lama,
che je diranno: “aho fate attenzione
Osama nun se batte cor forcone.

Ce vole un bel consesso de nazioni
civili, progressiste e senza errore
che sappiano discute cor terrore”.
E giu’ applausi, ole’ e battimani
pe’ ‘na morale senza piu’ domani.

Se invece sto ar Governo è tutta un’altra aria.
Butto un po’ de bombe sulla Serbia
in nome de ‘na santa guerra umanitaria.
Tanto ar popolo bue faccio inghiotti’ quello che voglio:
Uguaglianza, Pace e Libbertà.
Chi se ricorda che anche la bomba mia,
pure se de sinistra, va ‘ndo coglio coglio?

Insomma, me sa che l’ho capita ‘ndove sta
la doppia morale de ‘sta furba società:
la legge della storia va rivista
perché la bomba bona è solo de sinistra.

Nun solo, ma poiché so’ raffinato,
compagno colto e pure smaliziato,
e vengo da ‘na scuola de partito
che m’ha insegnato che la menzogna è un’arte
degna de Brecht, Lenìn e Bonaparte,

racconto a quei poracci un po’ fregnoni,
che ho trascinato in piazza contro Berlusconi,
che se un vichingo con la penna in mano
disegna Allah, Maometto o il Tamerlano
è giusto avvelenasse coi versi del Corano
sgozzando quarche povero cristiano.
Perché io so che “laico” è ‘na parola strana,
da usa’ a piacere cor salto della rana.

Ve dico ciò che penso veramente:
a me me fa un po’ schifo questa gente.
Nun che la destra sia de molto mejo
ce poi scommette anche fino a cento.
Però arcune scelte le comprendi.
Certo qualcuno gira come er vento,
ma de qua è tutto un sali e scendi.

Io so’ de destra e quindi un po’ ignorante.
Nun scrivo libri, a malapena leggo.
Per me il teatro è cosa delirante,
Moretti ve lo dico nun lo reggo.

Per me un Baricco potrebbe esse’ de tutto
‘na bestia, un fiore tropicale, un tipo de prosciutto;
‘na biblioteca è un luogo come un altro
e ai fogli stracci preferisco la palestra.
Lo so nun sto appari’ pe’ gnente scaltro,
dovete compati’ io so’ de destra.

Eppure ve lo dico senza induggio.
Me so commosso quanno quel ragazzo
davanti ar boia co’ la morte in mano gli ha detto senza piagne
“guarda dotto’ guarda.. come sa morire un italiano”.

Glie avete detto che se l’è cercata,
che in fondo era solo un mercenario,
un fascio, un povero esaltato bono pe’ l’ossario.
Che gente come lui so’ ‘na vergogna,
chissà laggiù che era annato a fa’.
Per me lui era solo un proletario che in Iraq era annato a lavora’.

Invece per quell’altra sgallettata,
la Sgrena, la contessina rivoluzionaria
elogi, battimani, commozione,
persino in Campidoglio quer faccione
che impegna senza scampo alla speranza;
ammonimento con obbligazione
ché qui pure er dolore è un’ordinanza.
Ve siete pure presi quer poraccio
che ha dato via la pelle lì in quel posto
e mo’ lo utilizzate come fionda
pe’ ‘na squallida battaglia sottocosto.

Doppia morale senza ritegno,
facendo finta de nun sta a capi’
che senza quer poraccio, quei sordati e ‘sto governo
la contessina starebbe ancora lì.
Solo una domanda de passaggio:
ve ricordate voi che avete fatto
di fronte ai 30 morti del Cermis?

Io de morale doppia nun me intendo,
è robba da maestri dell’imbroglio.
Ma di una cosa sola io me vanto:
c’ho amici borgatari e pariolini.
Gente de onore e core, non stinchi de santo.
Chi studia, chi lavora, chi cerca la sua via,
ma nun li ho mai sentiti scenne in piazza
gridanno “10, 100, 1000 Nassirya”.

L’anarca, poeta dialettale

Advertisements