23 Ottobre 2006. La domanda è semplice e giocosa, a metà strada tra la battuta intelligente e la provocazione; di quelle alla Daria Bignardi. L’intervistato è un uomo politico che si chiama Oliviero Diliberto; di professione fa il comunista ed è pure il segretario di un partitino paleo-bolscevico le cui percentuali si aggirano tra l’1% e i numeri negativi. Sui giornali che contano lo fanno passare per uomo colto e sensibile perché colleziona libri antichi. L’arguta Daria gli domanda: “Scelga un posto dove trascorrere una bella serata. Un luogo tra questi due però: la villa della Certosa del Cavaliere o il Billionaire la discoteca di Briatore”. Il comunista colto e sensibile non ha dubbi e risponde: “Al Billionaire ma imbottito di tritolo!”.

Cambiamo la scena. Le immagini di questo post risalgono al 28 febbraio 2005. Il luogo è Tel Aviv. Una discoteca e tanti ragazzi in fila per entrare; un tizio “imbottito di tritolo” si avvicina e …. boom! 5 morti e 50 feriti. Ma non era il Bilionaire

 

Un deputato di Forza Italia ora vuole denunciare Diliberto per “apologia di terrorismo”… ma forse l’unico reato che ha commesso, ancora più pericoloso, è quello di “manifestazione non autorizzata di imbecillità”.