pacifintiNe sentivamo la mancanza di quelle colorate bandierine arcobaleno. Grandi ideali, parole d’ordine, mobilitazioni di massa, senso comune di un desiderio di pace e libertà che unisce il mondo come l’arcobaleno unisce la terra al cielo. Dio che bello! E che bella stagione quella in cui i balconi delle nostre città erano piene di colori e le parrocchie cattocomuniste sventolavano l’arcobaleno ai piedi di Gesù Cristo (che in fondo è stato o no il primo comunista della storia?). Dio quanto era bello guidare le masse verso l’orizzonte colorato della storia. E se per caso si diventava ministri o presidenti della Camera bastava ridurre l’arcobaleno a una spilletta sul bavero della giacca, come un vezzo un po’ snob, come una provocazione da dementi fatta il giorno della sfilata del 2 Giugno, giusto per far capire che non ci si dimenticava del tutto degli allocchi che ci avevano votati e portati al governo; ma vuoi mettere come continuava a battere il cuore per la Pace, anche se costretti sotto il vestito da cerimonia?
Se c’è un’area politica che ha dato il peggio di sé durante questo vergognoso governo, è proprio la sinistra radicale. E l’ha dato perché la capacità di trasformismo, di imbroglio dialettico, di presa per il culo del proprio elettorato è stata la caricatura di quella doppiezza morale che aveva, nella vecchia tradizione comunista, ben più nobili motivazioni. Uno spettacolo talmente indecoroso da far apparire il buon Mastella un esempio di coerenza ideale quasi risorgimentale; e hanno avuto persino il coraggio di massacrare il povero Turigliatto, l’unico che ha provato a mantenere un po’ di dignità. Dalla Menapace a Franca Rame e alle sue estenuanti dimissioni, da Pecoraro Scanio a Russo Spena, una gara patetica per giustificare l’ingiustificabile: quello di essere pacifisti all’opposizione e interventisti al governo. Ministri, sottosegretari e deputati che negli anni passati avevano alimentato la peggiore piazza pacifista del mondo, si sono allineati senza battere ciglio alla politica estera di un paese che ha mantenuto le stesse missioni militari del governo di centrodestra (tranne quelle che il governo di centrodestra aveva già deciso di concludere…) contro le quali loro scendevano in piazza e senza più dilaniare le anime belle nei dibattiti intellettuali per capire se i maledetti jihadisti che uccidono i civili in Iraq, in Afghanistan o in Israele dovessero chiamarsi terroristi o resistenti.
Per questo, l’ultimo loro atto è ancora più vomitevole. Nell’ultimo Consiglio dei Ministri, prima del “rompete le righe” di Prodi, i paleantropi della sinistra arcobaleno
hanno votato contro la proroga di quelle missioni militari per le quali si sono sempre espressi a favore quando c’era da difendere le proprie poltrone. Ricordarsi di essere “pacifisti senza se e senza ma” solo quando non si è più al governo ha qualcosa di scandalosamente raccapricciante. Una sorta di vendetta postuma contro il proprio Paese e gli impegni internazionali presi, che conferma cosa diavolo sia questa sinistra senza cervello e senza dignità…